Il mondo della pubblicità, ma solo per passione – Blog

A questa Italia ferma servono i cavalli che io ho..parola di Porsche. Ops... di Oliviero Toscani

Il mercato dell’auto è in crisi e le vetture più costose sono tra quelle che risentono di più del momento difficile dell’economia mondiale.

La crisi,  la lotta all’evasione o repressione fiscale, una “moralità sociale” ( vera o finta ) derivante da una sensibilità generalizzata all’austerità e al risparmio in questo momento in cui i giornali parlano di povertà e disoccupazione hanno intaccato anche le vendite di quel “target” che fino a ieri sembrava intoccabile. Insomma, non è semplice convincere persone a comprare auto di lusso nel contesto attuale.

 

La campagna Porsche firmata Oliviero Toscani

 

Ecco che quindi la casa tedesca Porsche lancerà una nuova pubblicità nelle prossime settimane, basata sul claim “Il tuo sogno è possibile”.

Questo è l’imperdibile testo, composto a caratteri allegri e colorati,  che contorna  la classica silhouette della Porsche 911  ( autovettura sportiva prodotta dalla Porsche a partire dal 1963) :

«Il tuo sogno è possibile, non ucciderlo, è la cosa più importante per te. Non farti frenare dalla tasse sul lusso. Se ti fermano per un controllo lasciali fare. Se se in regola, andranno a controllare quelli che non lo sono.
Se la tua fantasia sono io, non reprimerla. La vita deve essere vissuta con passione, altrimenti cosa ci rimane ? Il 50% di quello che spendi per me va allo stato che dovrebbe stimolare a possedermi ed esserti riconoscente perché, comprandomi,  contribuisci con coraggio allo sviluppo di cui tutti parlano. Sono un’emozione razionale, sono essenziale, tecnologica e moderna; con me hai vissuto i safari africani, le 24 ore di Le Mans e le tue serate a teatro. Il mio design è sena tempo e già futuro, sono amata perché vivo la realtà senza l’eccentricità della moda. Non sono veloce….se si rispettano i limiti. A questa Italia ferma servono i cavalli che io ho e che devi avere anche tu. I sogni non sono un lusso. Il tuo sogno è possibile !»

All’entusiasmo del grande fotografo e pubblicitario di Oliviero Toscani, che ha dato vera e propria voce all’ automobile e che ha curato il concept della campagna, si è affiancato lo sguardo critico del giornalista ed economista Oscar Giannino.

La campagna Porsche firmata Oliviero Toscani

Il messaggio : proporre l’acquisto di vetture meravigliose oggi vuol dire anche dare una spinta all’economia, contribuendo allo sviluppo del mercato dell’auto. E non per ultimo, dal lato dei clienti, tornare a sognare e a concretizzare i propri desideri.

Il contenuto direi è piuttosto provocatorio. Già alla seconda riga, il testo dice: «Non farti frenare dalle tasse sul lusso». Ma aggiunge :  «se sei in regola»

E più avanti continua con un altro forte messaggio: «il 50% di quello che spendi per me va allo Stato che dovrebbe stimolare a possedermi ed esserti riconoscente perché, comprandomi, contribuisci con coraggio allo sviluppo di cui tutti parlano».

I sogno non devono essere frenati. Chiari gli obiettivi di questo tono, secondo Toscani e visibili anche sul suo Blog : «Nell’attuale momento di recessione i sogni non devono essere frenati. Non possiamo intristirci. Noi italiani eravamo conosciuti per essere vitali, simpatici, perfino un po’ spacconi, tutti ‘Marcello Mastroianni’ che facevano innamorare e abituati a lanciare il cuore oltre l’ostacolo. Ho risposto volentieri all’invito di Porsche perché è un’azienda che crea auto meravigliose e proporre di acquistarle oggi vuol dire dare una spinta all’economia, contribuire allo sviluppo e, nello stesso tempo, ritornare a sognare. Non male in questa Italia incupita dalla crisi».

La campagna Porsche firmata Oliviero Toscani

Insomma, diamo una spinta alla vendita delle vetture di lusso, contro l’attuale crisi.

La pubblicità sarà pianificata sui principali quotidiani nazionali, a partire dalle prossime settimane.

Sempre dal Blog di Blog di Oliviero Toscani :

All’inizio Mi Sono Guardato Intorno Ma Non Sono Riuscito A Trovare L’auto Dei Miei Sogni. Così Ho Deciso Di Costruirla Da Solo”. (Dr. Ing. H.C. Ferdinand Porsche )

Questo è lo spirito guida da cui siamo partiti. Ma non è l’auto dei nostri sogni che stiamo cercando.
Oggi il tentativo è quello di risvegliare la passione per l’auto e le emozioni che suscita, una passione che pare essersi assopita.
Vogliamo accendere il dibattito, ripartendo dalla nostra storia, quella dell’auto dal design senza tempo, la Porsche 911, mito senza eguali, che si rinnova negli anni senza tradire il suo spirito.
A questa si sono unite la passione e l’emozione che motivano la scelta di una Porsche, capace da sempre di suscitare l’ammirazione anche in chi la vede semplicemente passare.

A supporto della campagna il sito internet www.iltuosognoèpossibile.it con la coloratissima scritta ed il pensiero di Oliviero Toscani in video :

Giustissimo…  ha ragione il grande Oliviero Toscani….spendere vuol dire far girare l’economia.  Anche comprando un’auto di lusso. Non ci si deve vergognare di potersi permettere una bellissima auto sportiva.

Questo, come però sottilinea anche lui, qual’ora il contribuente sia a posto : introiti derivanti da attività legali e soprattutto tassati. Ed ha nuovamente ragione quando dice «il 50% di quello che spendi per me va allo Stato che dovrebbe stimolare a possedermi ed esserti riconoscente perché, comprandomi, contribuisci con coraggio allo sviluppo di cui tutti parlano».

Ma allora….come mai oggi in molti hanno paura e non si comprano più auto di grossa cilindrata, barche, camper ecc….

Forse perché come mi ha confidato una persona che conosco riportandomi il consiglio del commercialista , “se mi compro un’auto usata e di piccola cilindrata non mi vengono a controllare ??”

E quindi ??? Mi chiedo….a cosa servono i soldi se poi non li posso spendere ???

911, auto, campagna, Ferdinand Porsche, lusso, Oliviero Toscani, Oscar Giannino, Porsche Automobili, Marketing

Fatal error: Uncaught Exception: 12: REST API is deprecated for versions v2.1 and higher (12) thrown in /web/htdocs/www.pubblicitaperpassione.com/home/wp-content/plugins/seo-facebook-comments/facebook/base_facebook.php on line 1273